STORIES: République démocratique du Congo: the War of Minerals: The war of Coltan- Kivu 2013

Republic Democratic of Congo, North Kivu, Masisi, Rubaya. 16/09/2013  Coltan, a rare metal used to make mobile phones and computers, is a mixture of Columbite and Tantalite. Its market value is so high as to have aroused the interest of multinational corporations and criminal organizations: in order to destabilize the political situation and take control of the mining business at a reasonable price, financial backing is given to armed groups waging war on one another. Under the supervision of the buyers in Rwanda, soldiers and police control the territory, exploiting the local population and reselling its natural resources: the proceeds are used to buy other weapons that provide additional power, thus creating a vicious circle it is difficult to break. Workers exit a mine shaft. Miners dig 50 meters underground for the minerals before transporting them to a nearby river where they are separated from rocks and sand before being sold to dealers. Mine accidents are common.Repubblica Democratica del Congo, nel Kivu settentrionale, Masisi, Rubaya. 16/09/2013 Il Coltan, un metallo raro usato per i microchip di telefoni cellulari e computer, è una miscela di Columbite e tantalite. Il suo valore di mercato è così alto da aver suscitato l\'interesse di multinazionali ed organizzazioni criminali: per destabilizzare la situazione politica ed appropriarsi dell\'estrazione mineraria a prezzi contenuti, vengono finanziati gruppi armati in guerra tra di loro. Sotto la supervisione dei compratori in Rwanda, soldati e poliziotti controllano il territorio, sfruttando la popolazione locale e rivendendo le risorse naturali: i proventi servono ad acquistare altre armi che garantiscono un ulteriore potere. Un circolo vizioso difficile da debellare.  Alcuni minatori escono da una un tunnel della miniera. Questi minatori scavano a volte buchi profondi oltre 50 metri per trovare i minerali. Una volta rimenpiti i sacchi, questi vengono trasportati ad un fiume ai piedi della collina dove sorge la miniera, e lì vengono lavati e separati da rocce e sabbia, prima di essere venduti ai rivenditori. Gli incidenti in miniera sono comuni.
The war of Coltan- Kivu 2013

Republic Democratic of Congo, North Kivu, Masisi, Rubaya. 16/09/2013 Coltan, a rare metal used to make mobile phones and computers, is a mixture of Columbite and Tantalite. Its market value is so high as to have aroused the interest of multinational corporations and criminal organizations: in order to destabilize the political situation and take control of the mining business at a reasonable price, financial backing is given to armed groups waging war on one another. Under the supervision of the buyers in Rwanda, soldiers and police control the territory, exploiting the local population and reselling its natural resources: the proceeds are used to buy other weapons that provide additional power, thus creating a vicious circle it is difficult to break. Workers exit a mine shaft. Miners dig 50 meters underground for the minerals before transporting them to a nearby river where they are separated from rocks and sand before being sold to dealers. Mine accidents are common.

Repubblica Democratica del Congo, nel Kivu settentrionale, Masisi, Rubaya. 16/09/2013 Il Coltan, un metallo raro usato per i microchip di telefoni cellulari e computer, è una miscela di Columbite e tantalite. Il suo valore di mercato è così alto da aver suscitato l\'interesse di multinazionali ed organizzazioni criminali: per destabilizzare la situazione politica ed appropriarsi dell\'estrazione mineraria a prezzi contenuti, vengono finanziati gruppi armati in guerra tra di loro. Sotto la supervisione dei compratori in Rwanda, soldati e poliziotti controllano il territorio, sfruttando la popolazione locale e rivendendo le risorse naturali: i proventi servono ad acquistare altre armi che garantiscono un ulteriore potere. Un circolo vizioso difficile da debellare. Alcuni minatori escono da una un tunnel della miniera. Questi minatori scavano a volte buchi profondi oltre 50 metri per trovare i minerali. Una volta rimenpiti i sacchi, questi vengono trasportati ad un fiume ai piedi della collina dove sorge la miniera, e lì vengono lavati e separati da rocce e sabbia, prima di essere venduti ai rivenditori. Gli incidenti in miniera sono comuni.